Tempo di lettura: 5 minuti, 3 secondi

Le visualizzazioni di YouTube non contano nei grafici degli album, afferma la rivista Billboard

Billboard Magazine ha concluso la sua pratica di dare lo stesso peso ai flussi gratuiti e ai flussi pagati nelle sue classifiche musicali che mostrano corruzione.

La decisione è determinata dalla pressione che sta subendo da varie etichette musicali e da Apple Music. Allora, la musica acquistata dal negozio di download di Apple o trasmessa in streaming tramite il suo servizio di abbonamento a pagamento ha lo stesso peso con gli streaming gratuiti su YouTube quando viene conteggiata n Hot 100 di Billboard. Tuttavia, Billboard ha annunciato che darà priorità ai flussi pagati, il che significa che ci sarà essere una possibilità per gli artisti di promuovere le loro canzoni su servizi a pagamento come Apple più che su siti di streaming gratuiti. Ovviamente, gli artisti sceglieranno di fare pubblicità su piattaforme che daranno loro maggiori possibilità di ricaricare sulla classifica Hot 100.

Le visualizzazioni di YouTube non contano nei grafici degli album, afferma la rivista Billboard

L'annuncio è un duro colpo per YouTube in quanto sperava di espandere la sua rappresentazione. Secondo quanto riferito, anche YouTube di Google stava negoziando con Billboard per essere incluso nelle classifiche degli album. In particolare, YouTubbe gestisce un'attività di streaming di grandi dimensioni e supportata da annunci pubblicitari a cui gli utenti possono accedere gratuitamente.

Billboard Magazine contro YouTube

Secondo Billboard, ridisegnerà la formulazione delle sue classifiche, compilata da Nielsen Music. Billboard ha affermato che nel 2018 gli stream da servizi a pagamento e basati su abbonamento come Apple Music e gli stream da livelli di abbonamento a pagamento su piattaforme a pagamento / supportate da annunci come SoundCloud e Spotify avranno un peso maggiore nel calcolo delle classifiche. Pertanto, gli streaming su piattaforme interamente supportate da annunci pubblicitari come YouTube avranno una priorità minore.

Il capo di Apple Music, Jimmy Iovine, non supporta l'idea di YouTube che sta aumentando la sua influenza. Secondo lui, gli artisti stavano promuovendo su YouTube perché il suo conteggio su Billboard è lo stesso con il conteggio che possono ottenere aiutando su flussi pagati. Mostrando la sua delusione, ha chiesto all'industria discografica come fa passare tale pratica. Inoltre, Iovine ha descritto YouTube come una notizia falsa e ha affermato che il suo traffico può essere manipolato.

Inoltre, Iovine ha affermato di aver discusso la questione con Billboard. Ha aggiunto che l'industria musicale dovrebbe seguire tutti la stessa direzione, sostenendo il modo in cui gli artisti vengono pagati.

Coalizione di etichette indipendenti

Allo stesso modo, il presidente della coalizione A2IM di etichette indipendenti Darius Van Arman è d'accordo con Iovine. Van Arman, che è anche il proprietario di Secretly Group, ha affermato che i flussi provenienti da YouTube non devono essere conteggiati come parte delle classifiche di streaming musicale perché quando una persona sta trasmettendo un video in streaming, non è sicuro se quella persona sia lì per la musica stesso o per la grafica del video musicale. Inoltre, qualcosa che non è legato alla musica potrebbe guidare le opinioni.

Van Arman ha inoltre aggiunto che se i flussi di YouTube dovessero davvero essere conteggiati come parte del consumo di musica di BillBoard Hot 100, dovrebbero essere pesati meno dei flussi di piattaforme di streaming di musica autorizzate, su richiesta e a pagamento.

YouTube non ha una risposta riguardo a queste dichiarazioni.

Le classifiche dei cartelloni pubblicitari stanno dando agli artisti e al loro team un'enorme quantità di ego quando la loro musica raggiunge la prima posizione. Il cartellone è di proprietà di Eldridge Industries, la stessa società che gestisce Hollywood Reporter. Unisce le vendite di musica con i consumi tramite radio, Apple Music e altri media per generare le sue classifiche. Tuttavia, la società ha dichiarato che deve stare al passo con i modi mutevoli di ascoltare la musica per riflettere la sua popolarità.

I dirigenti amano le visualizzazioni di YouTube

I dirigenti di molte etichette discografiche non sono favorevoli a includere i flussi di YouTube nella Billboard Hot 100. Secondo loro, è semplice aumentare il traffico attraverso l'uso di bot. Hanno anche sottolineato che YouTube decide automaticamente cosa suggerire agli utenti dopo che questi utenti hanno selezionato un determinato video. Questo è uno dei tanti miti sull'acquisto di visualizzazioni YouTube. Inoltre, YouTube non richiede agli utenti alcuna informazione di accesso prima di poter trasmettere video musicali. Tuttavia, l'affermazione dei dirigenti sulla manipolazione delle visualizzazioni su YouTube non ha alcuna prova, sebbene Google abbia ammesso di aver simulato il traffico in alcune aree della sua rete pubblicitaria.

Per darti un'idea di quanto sia influente YouTube per la musica, Despacito, una canzone di Luis Fonsi, ha colpito un miliardo di stream in tutto il mondo in un arco di 100 giorni dalla sua uscita. Nell'ottobre 2017, ha registrato un totale di quattro miliardi di stream, che lo hanno reso la canzone più trasmessa in streaming di tutti i tempi. La canzone ha trascorso un totale di 16 settimane nel punto numero uno.

La persona che affronta tutte queste accuse su YouTube è Lyor Cohen, responsabile musicale globale di YouTube. Cohen, una figura popolare, è l'ex amministratore delegato della divisione di musica registrata della Warner Music. Dopo aver lasciato la Warner Music, Cohen ha costruito la sua etichetta musicale chiamata 300, con il sostegno finanziario di Google.

La rivalità di Cohen

Cohen e Iovine erano un tempo rivali nel settore della musica rap. Negli anni '90, Cohen gestiva l'etichetta discografica Def Jam, mentre Iovine era il co-fondatore della Interscope Records.

Questa rivalità ha portato alla lunga controversia tra piattaforme di streaming di musica a pagamento e YouTube sul pagamento della musica riprodotta lì.

Le etichette musicali hanno portato il conflitto a Bruxelles di fronte alla Commissione europea e al Copyright Office degli Stati Uniti nella speranza di cambiare il Digital Millennium Copyright Act del 1998. La suddetta legge fornisce alle piattaforme tecnologiche protezione contro azioni legali per la distribuzione di contenuti illegali.

Tra le tre grandi etichette musicali, Warner Music è l'unica ad acquisire una nuova licenza con Google per la sua musica. Anche allora, la suddetta etichetta si lamentava pubblicamente dell'affare debole. D'altra parte, il Sony Music Group e Universal Music Group si stavano ancora lamentando per ottenere un taglio più equo delle entrate dalle canzoni trasmesse su YouTube, con o senza una licenza.

Conclusione

Secondo eMarketer, le entrate pubblicitarie acquisite da YouTube nel 2017 sono state di circa $ 3.5 miliardi. Ha anche una piccola attività di abbonamento. Inoltre, YouTube paga micro-pene per i giochi, che le etichette musicali chiamano "Value Gap".

Secondo YouTube, il suo sistema identifica la maggior parte delle violazioni e sta facendo del suo meglio per creare un nuovo flusso di entrate per le etichette musicali.

0 Piace

Lascia un commento.